Zingaretti si dimette, sono io il bersaglio.

Dimissioni Zingaretti Pd sotto choc. Stanco di essere sempre sotto accusa

Zingaretti fa i capricci stanco dei continui insulti ricevuti decide di dimettersi per il bene della nazione. Qualcuno lo ringrazierà, altri lo piangeranno. In casa Pd non si respira buon aria in questo momento.

“Visto che il bersaglio sono io, per amore dell’Italia e del partito, non mi resta che fare l’ennesimo atto per sbloccare la situazione. Ora tutti dovranno assumersi le proprie responsabilità. Nelle prossime ore scriverò alla Presidente del partito per dimettermi formalmente. L’Assemblea Nazionale farà le scelte più opportune e utili”. Ecco il post pubblicato da Zingarettti poche ore fa sulla sua pagina facebook-

Lo stillicidio non finisce. Mi vergogno che nel Pd, partito di cui sono segretario, da 20 giorni si parli solo di…

Pubblicato da Nicola Zingaretti su Giovedì 4 marzo 2021

Zingaretti trova assurdo che in questa fase storica all’interno del PD di parli solo di incarichi, poltrone e primarie, c’è il problema del lavoro, degli investimenti e la necessità di ricostruire una speranza soprattutto per le nuove generazioni”. . “Dovremmo discutere di come sostenere il governo Draghi, una sfida positiva che la buona politica deve cogliere”, aggiunge. Parole di apprezzamente su Zingaretti da parte di Di Maio e Salvini, a pensare che un tempo prevaleva l’odio mentre sono sotto “choc” dirigenti e parlamentari del PD.

Lascia il tuo commento
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail