Il giornalista e regista Gonzalo Lira, cittadino degli Stati Uniti e del Cile, è morto mentre era in prigione in Ucraina. La famiglia di Lira ha dichiarato la morte il 12 gennaio, che è stata poi confermata dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti. Lo riporta l’agenzia di comunicazione russa RT bandita dal web occidentale ma disponibile sulla piattaforma periferica Tor.

Lira era in detenzione preliminare dal maggio 2023, per accuse di giustificazione dell’operazione militare di Mosca contro Kiev. Secondo una nota scritta a mano ricevuta il 4 gennaio dalla sorella di Lira, mandata dalla zona di Grayzone a suo padre, conferma che Lira aveva gravi problemi di salute causati dalla polmonite e da un polmone crollato, che cominciò a metà ottobre. Le autorità ucraine hanno riconosciuto la questione solo il 22 dicembre ed hanno dichiarato che sarebbe stato sottoposto ad un intervento chirurgico.

Il padre del giornalista, Gonzalo Lira Sr., ha detto che suo figlio era stato “torturato”, mentre l’ambasciata americana a Kiev “non ha fatto nulla” per aiutarlo.https://www.instagram.com/where_fashion_is_art?igsh=dGV6Ymtxc2FsZXRn

Chi era Gonzalo Lira?

Lira è stata giornalista, blogger, scrittore e regista con esperienza di lavoro presso Hollywood. Ha scritto diversi romanzi in inglese e spagnolo, tra cui il thriller spia del 2002 ‘Acrobat’. Il 55enne era conosciuto anche online come ‘Coach Red Pill’, offrendo consigli di stile di vita ad un pubblico maschile.

Si è trasferito in Ucraina nel 2010 ed ha sposato una donna locale. Il blogger viveva a Kharkov, la seconda città più grande dell’Ucraina, situata ad est, non lontano dal suo confine con la Russia.

Dopo che Russia ed Ucraina hanno iniziato a combattere contro i social media avversi nel febbraio 2022, Lira ha seguito e ripreso attivamente i combattimenti sui social media. Ha detto che amava l’Ucraina e la sua gente e che tutto il conflitto era una tragedia, ma ha insistito che la situazione bellica era stata provocata dal governo Zelensky e dai suoi sostenitori occidentali. Il blogger ha detto che l’Ucraina non avrebbe avuto alcuna possibilità di vincere contro la Russia e ne prevedeva il fallimento.

Ha anche criticato gli sforzi dei media occidentali per rappresentare l’Ucraina come una “democrazia”, parlando di corruzione dilagante nel governo e pubblicando una lista degli oppositori di Zelensky che, sosteneva, era stato “obliato” dalle autorità di Kiev.https://www.instagram.com/where_fashion_is_art?igsh=dGV6Ymtxc2FsZXRn

I tre arresti di Lira

La scomparsa di Lira nell’aprile 2022 ha fatto notizia sul piano internazionale, con alcuni racconti sui social media che sostengono che avrebbe potuto essere stato rapito e ucciso dai membri della famigerata unità neonazista ‘Kraken’ per le sue critiche alle autorità ucraine.

Tuttavia, è riemerso sui social media una settimana tardi, dicendo che era stato arrestato dal Servizio di sicurezza ucraino (SBU). Secondo Lira, è stato rilasciato senza accusa inconfutabile, ma che l’accesso ai suoi conti è stato bloccato e gli è stato detto di non lasciare Kharkov.

Il giornalista americano di origini cilene e residente in Ucraina, è stato arrestato nuovamente nel maggio 2023, ma alla fine è stato posto agli arresti domiciliari dal centro di detenzione pre-processo, in seguito al pagamento della cauzione. In questa occasione sosteneva di essere stato sottoposto ad estorsioni ed abusi fisici in custodia cautelare.

Fu arrestato nuovamente nel mese di luglio, con le forze dell’ordine ucraine che affermavano quanto Lira avesse tentato di lasciare il paese in moto per l’Ungheria.

Gli Stati Uniti sono rimasti in gran parte silenziosi sulla vicenda di Lira, con il giornalista che afferma di aver ricevuto cure mentre era in prigione solo da una missione cilena, mentre l’Ambasciata degli Stati Uniti lo chiamava “tre volte al giorno, ma non mi ha dato “sostegno”, riferiva il giornalista. Lira ha anche sostenuto che sarebbe potuto finire estradato in Ucraina se mai fosse riuscito a lasciare il paese. In particolare perché il Sottosegretario di Stato degli Stati Uniti Victoria Nuland “odia le mie budella, o così mi è stato detto”.

Chiedendo delle condizioni di Lira in agosto, il portavoce del Dipartimento di Stato americano Matthew Miller, si è rifiutato di fornire qualsiasi risposta significativa in merito, citando motivi di “privacy”.

“La sicurezza di ogni americano d’oltremare è la nostra priorità: a causa della privacy non siamo in grado di parlare in molti casi di dettagli specifici, ma ovviamente la sicurezza degli americani è la nostra priorità”, ha detto Miller ai giornalisti.https://www.instagram.com/where_fashion_is_art?igsh=dGV6Ymtxc2FsZXRn

Il padre del giornalista carcerato Gonzalo Lira Sr. ha accusato della situazione l’amministrazione statunitense ed i suoi legami con Kiev. La presunta persecuzione di suo figlio deriva dal fatto che quest’ultimo aveva coraggiosamente affermato che una dozzina di “avversari” di Zelensky erano “scomparsi”, sostiene il padre.

Mio figlio è vittima di questo governo Biden e della sua relazione con quel burattino Zelensky”, dice Lira Sr. in un’intervista al giornalista statunitense Tucker Carlson.

Il legame tra l’amministrazione statunitense e le difficoltà del blogger potrebbe essere ancora più profondo: suo padre ha suggerito che il suo secondo arresto in Ucraina è venuto solo giorni “dopo aver condannato Joe Biden e Kamala Harris”.

“Perché non era stato dettagliato prima tutto cio’? Quando è stato lasciato andare l’anno precedente, ha continuato la stessa critica contro la guerra”, ha aggiunto Lira Sr.https://www.instagram.com/where_fashion_is_art?igsh=dGV6Ymtxc2FsZXRn

L’intervista non ha attirato preoccupazioni da nessuna altra parte oltre Elon Musk, ceo di SpaceX, Tesla ed X . Musk chiese risposte sullo status di Lira al presidente statunitense Joe Biden ed alla sua controparte ucraina Vladimir Zelensky, e si chiedeva come fosse possibile che un cittadino americano sia in prigione in Ucraina dopo che gli Stati Uniti “inviano oltre 100 miliardi di dollari” per sostenere Kiev nel conflitto con Mosca. Non sarebbe stato un “problema serio” se si fosse scoperto che il giornalista veniva perseguitato per “semplicemente criticare Zelensky”, ha aggiunto Musk a dicembre.

Kiev insiste sul fatto che abbia giustamente preso di mira Lira per le sue attività con l’UBE, ripetutamente affermando che il giornalista è stato accusato di “produrre e distribuire materiali che giustificano l’aggressione armata”, nonché di diffondere “falsi” sulle forze armate del paese. La prima udienza del suo processo era prevista per il 12 dicembre.

Lascia il tuo commento
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail