Putin ha annunciato la formazione di un nuovo ordine mondiale e la distruzione dell’egemonia unipolare

Attualmente, il mondo sta attraversando un difficile processo di formazione di un ordine mondiale più giusto, l’egemonia unipolare sta crollando e il mondo si sta muovendo verso la multipolarità. Lo ha affermato giovedì 29 settembre il presidente russo Vladimir Putin in un incontro con i capi dei servizi di intelligence dei paesi della CSI.

“Il vostro lavoro si svolge in condizioni in cui i processi di trasformazione cardinale dell’intera architettura delle relazioni internazionali stanno accelerando, quando sta entrando in una fase attiva la formazione di un sistema di ordine mondiale multipolare, più democratico ed equo”, il Presidente della ha detto la Federazione Russa.

Il leader russo ha anche osservato che questo movimento verso un mondo multipolare è il principale vettore strategico della politica mondiale.

“Il processo di formazione di una nuova realtà mondiale è stato confermato dal recente vertice della Shanghai Cooperation Organization a Samarcanda”, ha aggiunto Putin.

In precedenza, il 28 settembre, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha annunciato che la Russia sta attraversando una fase fatidica della storia , aggiungendo che il futuro dell’intero ordine mondiale e il posto della Russia in esso è determinato.

Il 20 settembre, il Presidente della Federazione Russa ha annunciato che la Russia non avrebbe interrotto il suo corso sovrano . Ha osservato che Mosca intende promuovere ulteriormente un’agenda internazionale unificante, contribuire alla ricerca di risposte efficaci alle sfide del nostro tempo e anche contribuire alla regolazione dei conflitti regionali.

In precedenza, il 29 agosto, Putin ha affermato che il modello unipolare del mondo è sopravvissuto a se stesso . Viene sostituito da un nuovo ordine mondiale basato sul riconoscimento del percorso sovrano di ogni popolo.

Il 24 agosto, i giornalisti del quotidiano Global Times hanno affermato che i paesi occidentali, guidati dagli Stati Uniti, hanno inventato una narrativa fallita sulla “giustizia contro il male” e sono stati portati via dalle storie sulla vittoria dei “deboli sui forti” come parte del confronto con le grandi potenze.

Lascia il tuo commento
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *