Di Windlander

Ripreso dal portale proprietario dello scritto Benjaminfulford.net.

Nel complesso mondo della politica globale, ciò che vediamo in superficie spesso è solo la punta dell’iceberg. L’edizione di questa settimana di “Beyond Blue Beam” mira a sollevare delicatamente il velo sulle narrazioni che ci vengono fornite, rivelando le correnti più profonde che modellano il nostro mondo in modi che potremmo non vedere immediatamente. Mentre attraversiamo questi tempi incerti, è fondamentale comprendere le forze in gioco, nascoste agli occhi del pubblico, che influenzano la direzione in cui si muove la nostra società. Con occhio attento ed impegno nella scoperta della verità, esploriamo le azioni e le motivazioni di coloro che detengono il potere dietro le quinte, cercando di offrire un quadro più chiaro delle dinamiche globali in atto. Unisciti a noi in un viaggio alla scoperta, in cui miriamo a fornire approfondimenti sulla complessa rete delle relazioni internazionali e sulla ricerca di un futuro in cui prevalgano trasparenza e comprensione.

In epoche velate dalle nebbie del tempo, un legame enigmatico si intreccia attraverso l’antico arazzo delle civiltà umane. Dai mattoni cotti al sole dell’Egitto alle fertili valli del Messico, sussurri di visitatori ultraterreni echeggiano attraverso l’arte e la tradizione di popoli separati da vasti oceani ma uniti da un fenomeno singolare ed inspiegabile: l’allungamento dei teschi.

Le statue, immortalate nella pietra e nell’argilla, si ergono come sentinelle silenziose a guardia di un segreto antico ed ultraterreno. Raffigurano gli eletti, gli emissari che portavano il marchio delle stelle: crani allungati, non per nascita ma per disegno, un disegno forse ispirato da maestri celesti discesi dai cieli.

All’ombra delle grandi piramidi, i faraoni emulavano gli dei, rimodellando le loro forme per rispecchiare i viaggiatori del cielo. Al di là del mare, nelle lussureggianti giungle del Messico, anche i Maya e gli Olmechi scolpirono i loro teschi, in omaggio alla saggezza stellare dei loro maestri. E nelle alte Ande, gli Inca seguirono l’esempio, come se obbedissero ad una direttiva cosmica. Anche nelle terre del Ghana, dove le figure in terracotta parlano di riti dimenticati, l’allungamento dei teschi suggerisce una comunione con esseri oltre la Terra.

Queste civiltà disparate, senza alcun contatto nel senso terrestre, condividono un legame celeste, un filo comune tessuto dalle mani dei visitatori provenienti dal cielo. Le loro eredità, scolpite per l’eternità, ci invitano a guardare oltre, a considerare la possibilità che un tempo fossimo visitati, guidati ed influenzati da viaggiatori provenienti dalle stelle.

In un mondo in cui il confine tra fantascienza e realtà è sfumato, emergono testimonianze che mettono alla prova la nostra comprensione della norma. Successivamente, abbiamo un video avvincente in cui un educatore rivela una narrazione che sembra strappata dalle pagine di un romanzo speculativo. Racconta un’esperienza che fa riflettere, in cui le aule del mondo accademico e le camere del governo si sono unite in un briefing senza precedenti: un piano di emergenza per un incontro extraterrestre. Questa non è un’esercitazione, né la pagina di una sceneggiatura. È una sincera rivelazione sui preparativi per uno scenario che, fino ad ora, molti hanno relegato nel regno della fantasia hollywoodiana. Osservala attentamente mentre ci guida attraverso l’inquietante protocollo stabilito per un evento che cambierebbe irrevocabilmente il nostro mondo: la possibilità di un’invasione aliena.

Dopo il video, ci rivolgiamo a voi, nostri spettatori, per riflettere su una questione che aleggia al limite dello straordinario. È necessario? Sulla scia di ciò che hai appena sentito, credi che i governi dovrebbero assumersi la responsabilità di preparare la popolazione per un evento senza precedenti come un’invasione aliena? Condividi i tuoi pensieri con noi. Non stiamo solo cercando risposte, ma esploriamo la disponibilità del nostro mondo all’ignoto edl al forse inevitabile. La tua prospettiva è preziosa in questa discussione che trascende i confini, i cieli e forse anche gli universi.

Preparati a contemplare uno spettacolo che sfida le spiegazioni convenzionali. Nel filmato che segue, presentiamo una curiosa danza tra la Terra e l’ignoto, catturata nella vasta ed enigmatica distesa del nostro oceano. Notate le peculiari formazioni nel cielo: uno schema di nuvole interrotto da radure distinte e circolari. Queste anomalie atmosferiche assomigliano a dischi nascosti, quasi come se i piattini avessero impresso i loro contorni sulla tela delle nuvole. Quali segreti custodiscono i cieli? Sono queste meraviglie naturali, semplici capricci del tempo o qualcosa di più? Testimoniate il mistero e giudicate voi stessi.

Il 28 dicembre 2023, un evento sopra il Massachusetts ripreso da una telecamera,  ha stimolato l’immaginazione del pubblico ed alimentato un’accesa discussione sui forum e sui social media. Il filmato che stiamo per condividere è avvolto in una nebbia di ambiguità, con dettagli sfumati come i confini tra il noto e l’ignoto. Quella che sembra essere una nave madre nei cieli del Massachusetts, uno spettacolo che solleva più domande di quante le immagini sfocate possano rispondere, sembra rilasciare entità più piccole nell’atmosfera. Si tratta di un semplice gioco di luci e nuvole, di un fenomeno naturale ma raro o della prova di qualcosa che va ben oltre la nostra comprensione? Mentre presentiamo questo enigmatico video, ti invitiamo a scrutare lo schermo e a considerare le possibilità di ciò che è accaduto in quella giornata invernale. I cieli sopra al Massachusetts potrebbero avere altre storie da raccontare.

Dai uno sguardo ai nostri sostenitori dentro la nuvoletta arancione!

Facendo eco al misterioso evento avvenuto sul Massachusetts, la Colombia si è affermata come un altro punto focale per fenomeni aerei inspiegabili, entrambi avvenuti nella stessa intrigante data del 28 dicembre 2023. Questa coincidenza amplifica la curiosità che circonda questi avvistamenti, posizionando la Colombia accanto al Massachusetts in un puzzle globale. Che abbraccia i continenti e sfida le nostre percezioni. Il video che verrà rivelato cattura un fenomeno aereo non identificato (UAP) che ha abbellito i cieli colombiani, uno spettacolo che, proprio come la sua controparte nordamericana, invita a speculazioni e dibattiti. Mentre la nozione di visita extraterrestre incombe nell’immaginazione, in questo caso consideriamo anche la possibilità di spiegazioni più banali, come la tecnologia avanzata dei droni. Cosa ne pensi, ET o drone? Mentre approfondiamo il mistero di questa data condivisa, presentiamo il filmato colombiano con un appello all’apertura mentale e ad un’attenta considerazione di tutte le possibili origini, siano esse da galassie lontane o più vicine a casa.

In una rivelazione che potrebbe squarciare il velo di segretezza che circonda uno degli argomenti più enigmatici del nostro tempo, Sean Kirkpatrick, ex direttore della task force UFO del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, rompe il suo silenzio. All’interno dei confini di un sistema che ha tenuto a lungo il pubblico all’oscuro, Kirkpatrick si fa avanti affermando di essere stato messo con la museruola da poteri superiori, impedendogli di condividere informazioni rivoluzionarie sulla vita aliena con il mondo. Questo articolo approfondisce il cuore di una controversia che ha il potenziale di ridefinire la comprensione dell’ignoto da parte dell’umanità. L’appello di Kirkpatrick per il rilascio di file “bomba” parla di una crescente domanda di trasparenza, nel timore che la segretezza del governo non faccia altro che alimentare il fuoco delle teorie del complotto e della sfiducia del pubblico. Mentre il Pentagono si trova ad affrontare le accuse di soffocare il dialogo sugli UFO e sugli incontri extraterrestri, il dibattito sulla divulgazione raggiunge il culmine. Fai clic per esplorare l’intricata danza tra rivelazione ed occultamento, dove la verità sulla vita aliena è in bilico e le richieste di apertura si scontrano con le ombre della segretezza.

In un recente articolo, è stato rivelato che il governo degli Stati Uniti sta adottando misure per rivedere il modo in cui i dati sugli UFO vengono gestiti ed organizzati, una mossa che sta suscitando discussioni in tutta la nazione. Mentre l’obiettivo principale delle modifiche legislative è incentrato sul miglioramento dei servizi di salute mentale forniti ai veterani attraverso i centri di consulenza comunitari del Dipartimento per gli affari dei veterani, la narrativa di fondo tocca una questione più ampia di accesso ai dati, supervisione e necessità di trasparenza. nei rapporti governativi, compresi quelli relativi agli oggetti volanti non identificati (UFO).

Al centro di queste riforme c’è una crescente preoccupazione sull’efficacia dei centri veterinari nell’offrire servizi critici di salute mentale ai veterani che passano alla vita civile. Il Government Accountability Office e l’Ufficio dell’Ispettore Generale del VA hanno evidenziato carenze significative nelle operazioni di questi centri, dalle mancanze di conformità alle carenze sistemiche nella tenuta dei registri elettronici. Tali problemi non solo ostacolano la fornitura di servizi essenziali, ma sollevano anche interrogativi sulla capacità del governo di gestire ed utilizzare i dati sensibili in modo efficace, una preoccupazione che si estende al regno delle informazioni sugli UFO.

L’articolo sottolinea le difficoltà della Veterans Health Administration con sistemi e procedure obsoleti, rispecchiando le sfide più ampie affrontate dagli enti governativi nell’affrontare fenomeni in rapida evoluzione come gli avvistamenti UFO. La spinta per modifiche legislative, come menzionato dal piano del senatore Bill Cassidy per introdurre il VetPAC, riflette uno sforzo concertato per rafforzare la supervisione e migliorare l’integrazione dei servizi all’interno del VA, puntando ad un approccio più trasparente e responsabile.

Questa iniziativa per rinnovare il modo in cui il governo gestisce i dati, compresi quelli sugli UFO, segnala un momento critico. Mentre attraversiamo un’era in cui i confini tra noto e sconosciuto sono sempre più sfumati, la richiesta di apertura, tecnologia migliorata e migliori pratiche di gestione dei dati, diventa più forte. La mossa del governo per affrontare questi problemi attraverso la legislazione non mira solo a sostenere meglio i nostri veterani, ma anche a promuovere una cultura di trasparenza che potrebbe ridefinire il modo in cui affrontiamo i misteri del fenomeno UFO ed oltre.

In una sorprendente rivelazione che confonde il confine tra il segreto ufficiale e l’insondabile, l’ex ministro della Difesa canadese, Paul Hellyer, avanza affermazioni che potrebbero alterare per sempre la nostra comprensione del posto dell’umanità nel cosmo. Prima di rivelare un video che cattura l’innovativa affermazione di Hellyer, considerate la gravità delle sue parole: secondo lui, non una, ma quattro specie aliene vivono tra noi, la loro esistenza e’  intrecciata con la nostra in modi che stiamo solo iniziando a comprendere. Questa rivelazione, proveniente da una figura di così alto rango governativo, ci sfida a ripensare a tutto ciò che pensavamo di sapere sul nostro mondo e sul vasto ed inesplorato universo al di là. Mentre guardi questo video, rifletti sulle implicazioni della conferma di Hellyer: sulla nostra storia, sul nostro futuro e sul tessuto stesso delle relazioni umani-alieni.

Mentre ci prepariamo a svelare il nostro video finale, vi invitiamo a riflettere sul profondo messaggio trasmesso dal compianto Paul Hellyer, una figura le cui intuizioni sull’ignoto hanno suscitato polemiche e stupore. In una delle sue ultime dichiarazioni pubbliche prima della sua scomparsa, Hellyer ha condiviso una prospettiva che si estende oltre i confini del nostro pianeta, toccando la preoccupazione cosmica che gli esseri extraterrestri nutrono nei confronti della capacità di autodistruzione dell’umanità. Secondo Hellyer, questi visitatori ultraterreni temono la possibilità che gli abitanti della Terra precipitino verso l’annientamento, un evento che desiderano disperatamente prevenire. Articola una visione dell’universo come un’entità coesa, dove le azioni sul nostro punto blu si riverberano in tutto il cosmo, influenzando mondi lontani in modi che stiamo solo iniziando a comprendere. Questo video non serve solo come testimonianza dell’eredità di Hellyer, ma anche come un appello a riconoscere l’interconnessione di tutta l’esistenza. Mentre guardi, considera le implicazioni del suo messaggio: che nel grande arazzo dell’universo, non siamo attori isolati ma parte di un tutto più grande ed interconnesso, le cui scelte risuonano ben oltre la nostra percezione immediata.

Lascia il tuo commento
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail