Di Paolo Paoletti

MAZZARRI  AVREBBE DOVUTO VINCERE A MILANO. MA TIENE BANCO IL DELIRIO DI DE LAURENTIS TRA FESSERIE, BUGIE, ACCUSE. A BARI LO VOGLIONO MORTO, MORTIFICARE SPALLETTI E’ UNA IDIOZIA. LA FIGC VUOLE SETTORI GIOVANILI, ISCRIZIONI SU PATRIMONIO NETTO DEI CLUB, TAGLI IN SERIE C, COPPA ITALIA STILE ‘FA CUP’… L’OPPOSTO DI ADL!

Lazio ok a Cagliari, Roma ko con l’Inter. Il Napoli adesso deve vincere in modo reiterato e con un nuovo allenatore,  per sperare in una rimonta che si deciderà negli scontri diretti come lo è Milan-Napoli. Ed è stato Roma-Inter 2-4!

All’andata gli azzurri hanno perso contro Inter, Juventus, Lazio, Roma, Fiorentina. Pareggiato malissimo con il Milan (2-2 da 0-2…) e Bologna. Vinto solo con l’Atalanta.

L’esito delle sfide nel ritorno, decideranno i posti per l’Europa. La nuova Europa voluta da Ceferin per chiudere definitivamente l’ipotesi Superlega.

In attesa del risultato di San Siro, tengono però ancora banco le dichiarazioni a ripetizione di De Laurentis in preda a delirio di stupidità. Fesserie in libertà, bugie, accuse…

La prima risposta, a tale campionario, è arrivata dalla Figc.

Gravina ha presentato al Governo il ‘Piano Salvezza’ del calcio sommerso da 5 miliardi di debiti!  Cinque i punti fondamentali:

Riduzione squadre professionistiche da 100 a 80. Sarebbe la C a perderne 20, non Serie A e Serie B. Le Leghe passerebbero da 3 (A, B e C) a 2 con la Serie B accorpata alla C.

Solo due retrocessioni in serie A e conseguente riduzione della quota ‘paracadute’ garantita ai retrocessi da 60 a 30 mln di euro.

Una vera Coppa Italia, sul modello FA Cup: partecipazione di tutte le squadre, dalla A alla C, senza vantaggi per le più titolate, sfide in gara secca.

Stretta su conti e bilanci: controlli Covisoc 2 o più volte l’anno, iscrizione ai campionati decisa sul patrimonio netto (capitale sociale interamente versato che al termine di ogni esercizio migliora o decresce secondo l’utile o le perdite. Per la S.S.C.Napoli di 143,5 milioni al 30 giugno 2023).

Insomma guai per tutti. O quasi….

CAMPIONATO FALSATO. Adl di contro accusa l’inutilità di partecipazione in serie A delle squadre di città con 20.000 abitanti, secondo lui da cacciare…

Bufala fantasmagorica. Primo perchè in serie A, solo Empoli e Frosinone hanno poco più di 40.000 abitanti (il doppio di 20.000); l’Empoli ‘colpevole’ di aver battuto il Napoli 2 volte lo scorso anno, il Frosinone di averlo sbattuto fuori dalla coppetta Italia quest’anno con un umiliante 4-0!

GIOVANI E FUTURO. La FIGC, giustamente, a difesa della Nazionale, vuole la valorizzazione dei vivai con il passaggio da 4 a 6 elementi in rosa ed un incentivo tipo Decreto Crescita italiano defiscalizzando i contratti dei calciatori cresciuti nelle giovanili.

De Laurentis, bluffa malamente anche sul settore giovanile: “io guardo fino al 2030. Non è vero che il nostro vivaio è scadente. Ha prodotto Cheddira e Folorunsho che ci ha fatto penare nella sfida contro il Verona”.

Bugie senza vergogna:

Cheddira è scoperto nel 2017, a 19 anni, dalla Sangiustese in serie D. Il Napoli lo prende dalla ‘succursale’ Bari girandolo in prestito al Frosinone, dopo che il marocchino fa tutta la trafila tra Parma, Arezzo, Lecco e Mantova.

Folorunsho, cresce invece nelle giovanili della Lazio. Passa al Francavilla in C. A 21 anni, 5 stagioni fa, il Napoli lo acquista per 1 milione e lo gira al Bari.

Adl avesse messo quel milione nel vivaio azzurro, forse sarebbero usciti altri Gaetano, dato pochi giorni fa al Cagliari, quando sarebbe dovuto restare a Napoli proprio per prendere il posto di Zielinski il prossimo anno.

LA RIVOLTA DI BARI E DI LUIGI. Adl ha detto chiaramente che il Bari è la seconda squadra del Napoli. Farebbe meglio a fare un Napoli Next Gen.

In risposta al delirio di ADL è apparso uno striscione di 11 metri a Roma sul colle del Gianicolo contro Aurelio ed il figlio Luigi.

Mentre il sindaco di Bari Antonio De Caro sui social si è scagliato contro ADL, nonostante Luigi, presidente del Bari, avesse rivendicato indipendenza nella gestione della squadra, che in pochi mesi ha cambiato 3 allenatori e lotta per non retrocedere.

DELIRIO DI IGNORANZA. Assurda la rivelazione su Spalletti… “mi ha fatto perdere la Champions. E’ andato via perchè non ha mai vinto in Europa. La penale che dovrà pagare per aver disatteso l’accordo sta in mano agli avvocati”.

Spalletti è andato via perchè in 2 anni era stato accusato davanti ai giocatori di aver perso uno scudetto, dopo la sconfitta ad Empoli la prima stagione; di aver perso la Champions dopo le sconfitte col Milan. Pagherà anche la penale pur di liberarsi di De Laurentis.

Una vergogna, ciò che dice AdL, come il titolo a 9 colonne in prima pagina del Corriere dello Sport sulla ‘rivelazione’ aureliana.

Se la farneticazione avrebbe potuto anche trovare spazio in cronaca, educazione giornalistica imponeva un fondo di Zazzaroni in cui si redarguiva l’autore di simili nefandezze. Ma tant’è….

GARCIA. Adl rivendica: “era stato il miglior allenatore della Ligue 1 nel 2011. È stato a Roma, piazza difficile. Con il Lione è arrivato lontano in Champions. Non ha utilizzato i giocatori nuovi che gli abbiamo portato. Nella gara contro l’Empoli sono sceso nell’intervallo negli spogliatoi chiedendogli che cosa stesse facendo…”.

Storia identica a quella di Spalletti… sappiamo come è finita.

De Laurentis vuole vincere la Champions? Compri 3 giocatori da 70mln affidandoli a Klopp, Conte o Mourinho. Se non ha resistito Carletto Ancelotti, Re di Champions, figuriamoci!

THIAGO MOTTA. Adl ammette: “Era nella lista degli allenatori da Napoli. Da una conversazione di 6 ore avuta con lui a Roma ci ha fatto capire che avrebbe puntato ad allenare squadre fuori Italia”.

Falso, Thiago Motta declinò il Napoli perchè non c’era un DS che gli desse fiducia. Intanto adesso lo cercano Juve e Milan. Ma il brasiliano potrebbe anche rinnovare con il Bologna. Certo Barcellona, Psg e Liverpool cambieranno tecnico…

Allenatori da Napoli? Klopp, Conte, Mourinho per scalare l’Europa. De Zerbi, insieme ad un grande settore giovanile, per costruire…

Lo Scudetto è stato vinto da Pioli, poi da Spalletti. Stavolta lo vincerà Inzaghi che ha cominciato con Lotito nel settore giovanile…
Tre tecnici che non lo avevano mai vinto.
Tranne poche eccezioni l’allenatore conta il 30%. Molto invece possono dare dirigenti come Maldini e Zanetti… ex grandi calciatori.
Ma sono comunque sempre i giocatori a fare la differenza.

SUPERLEGA. Adl si vanta: “Con Florentino Perez parliamo spesso. Vogliamo competizioni che da 5 miliardi di entrate arrivino a 100 miliardi. Vogliamo fare un campionato europeo perché Champions ed Europa League si sono invecchiate? Ci sono 27 nazioni, vanno coinvolti tutti”.

Già fatto dall’Uefa: da settembre tanti soldi in più con sole 2 gare in più. Ceferin non si ricandiderà ed è stupido schierarsi ancora per una Superlega.

SOLDI. De Laurentis spiega… “Ho chiuso il bilancio con più di 80 milioni ed una riserva di 187. Gestirò il futuro come ho gestito il passato in questi 19 anni. Serviranno almeno 3 anni per tornare a vincere, non sono però l’antipatico che vuole vincere a tutti i costi. Mazzarri? È un amico di famiglia. Il prossimo allenatore? Secondo voi oggi vado a cercarne un altro? Ad aprile vedremo ma senza scoprirsi”.

Con 260 milioni in cassa, tutti soldi arrivati grazie ai napoletani in forme diverse, Adl ha il dovere di prendere grandi giocatori. Invece perderà Osimhen e Zielinsky, per cominciare.
Ma di peggio c’è che minaccia di portare via da Napoli la squadra se il Sindaco Manfredi non gli regalerà il San Paolo. Innanzitutto non si capisce perchè dovrebbe avere lo stadio in regalo.
Vediamo se avrà il coraggio di far seguire i fatti alle ridicole minacce.

LA LEGA. Adl dice: “Combattiamo in un contesto, quello italiano, ancora sbagliato. In Lega non ci sanno fare”.
Ovviamente accuse senza senso, perchè ha l’abilità di perdere tutte le battaglie che lancia: fatto fuori sui diritti tv, sulla riduzione della serie A, sulla Supercoppa in Arabia, sulla Legge Melandri… Insomma De Laurentis non conta assolutamente nulla.

KVARA. Adl ‘svela’: “Ho chiamato il suo clan e avrei voluto allungargli subito il contratto. Ne vogliono parlare a fine campionato”.

Stendiamo un velo pietoso…

Lascia il tuo commento
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail