Muore l’ultimo astronauta dell’Apollo 7, Walter Cunningham

Di Panetta Domenico

L’ultimo astronauta della prima missione spaziale con equipaggio di successo, l’Apollo 7, Walter Cunningham, è morto. Aveva 90 anni. Lo afferma il messaggio della Nasa, pubblicato il 3 gennaio.

“Walt Cunningham era un aviatore, fisico e imprenditore, ma soprattutto era un esploratore. Facendo volare l’Apollo 7, il primo veicolo spaziale con equipaggio della missione Apollo, Walt e i suoi compagni di equipaggio hanno fatto la storia aprendo la strada alla “Generazione Artemis” che vediamo oggi”, ha detto in una nota il capo dello stato della NASA Bill Nelson.

La morte di Cunningham è stata confermata anche dal portavoce della NASA Bob Jacobs e dalla moglie dell’astronauta Dot Cunningham, ha riferito The Guardian .

I dettagli della morte dell’astronauta non vengono forniti.

Durante il volo, il team avrebbe dovuto condurre una serie di esperimenti nell’orbita terrestre. Secondo la NASA, Cunningham, insieme agli astronauti Walter Schirr e Donn Isley, ha praticato le manovre necessarie per attraccare ed entrare nell’orbita lunare utilizzando il terzo stadio del veicolo di lancio Saturn-1B.

Walter Cunningham era uno dei tre astronauti a bordo dell’Apollo 7 del 1968. Il volo è durato 11 giorni, durante i quali sono state trasmesse dirette dall’orbita.

Grazie al lavoro dell’Apollo 7, gli scienziati sono stati in grado di aprire la strada a future missioni. Successivamente l’Apollo 8 fece il primo sorvolo con equipaggio della Luna due mesi dopo l’atterraggio dell’Apollo 7.

Gli astronauti dell’Apollo 7 hanno ricevuto uno speciale Emmy Award per i reportage dall’orbita.

Cunningham ha ricevuto la NASA Exceptional Service Medal e la Distinguished Service Medal. È inserito nella Astronaut Hall of Fame, nella International Space Hall of Fame, nella Iowa Aviation Hall of Fame, nella San Diego Air and Space Museum Hall of Fame e nella Houston Hall of Fame.

Foto Nasa

Lascia il tuo commento
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail