Messico: preparativi di guerra

Un video pubblicato sui social network mostra una persona che trasporta un lanciagranate di livello militare durante un posto di blocco a Matamoros, Tamaulipas.

http://instagram.com/ornella_castaldi?igshid ZDdkNTZiNTM=

L’arma, che viene venduta solo agli eserciti ed è stata ampiamente utilizzata durante l’invasione dell’Ucraina, era nelle mani di un sicario di Los Escorpiones, una cellula del cartello del Golfo, che opera a Reynosa.

Si tratta di armi che costano tra i 20.000 ed i 60.000 dollari al mercato nero, con colpi che possono costare circa 30.000 dollari a munizione e richiedono un addestramento specializzato per funzionare.
https://www.milenio.com/policia/carteles-se-preparan-para-una-guerra-tienen-lanzacohetes-militares

Il civile armato che vanta un emblema ricamato di Los Escorpiones, oltre a portare il lanciamissili, ha un fucile Ak47 ed indossa un giubbotto tattico.

Nel luglio 2020, gli utenti dei social media avevano già mostrato scene di uno scontro tra civili armati del cartello del Golfo con oppositori del cartello del Nordest, una scheggia di Los Zetas. I video mostrano il lancio di diversi razzi telecomandati, comunemente azionati da lanciarazzi RPG o modelli Javelin.

Nel maggio dello stesso anno, la Guardia Nazionale si assicurò un arsenale che includeva armi antiaeree come fucili calibro Barrett 50 ed un lanciamissili Javelin; tuttavia, è stato solo il 29 maggio che è stato riferito che un civile portava un’arma di questo tipo in pieno giorno.

Ancora una volta, nel 2020, le autorità statunitensi avevano scoperto che i civili stavano acquisendo questo tipo di lanciarazzi da utilizzare all’interno della criminalità organizzata. 

Ad esempio, il cartello di Sinaloa aveva fornito questo tipo di armi, oltre a mitragliatrici e granate, a una cellula che operava in Honduras e facilitava il traffico di cocaina verso gli Stati Uniti.
https://www.milenio.com/policia/carteles-se-preparan-para-una-guerra-tienen-lanzacohetes-militares

Cosi’ i cartelli della droga militari si predispongono alla controffensiva verso la Guardia militare americana che in maniera reiterata, li sta respingendo e limitando. Cio’ anche a causa della commercializzazione in Usa di un nuovo tipo di droga, denominato tipo “Zombie” che rende le persone anodine, vacillanti e cosparse di ecchimosi e sangue fuoriuscito.

Rivelano video del cartello del Golfo che trasporta armi di livello militare: icartelli messicani si stanno preparando per una guerra: hanno lanciarazzi di livello militare. Questo anche per l’avallamento americano al muro sul confine principiato da Trump.

In questo pantano che vede armi Nato ed europee inviate in maniera indefessa verso l’Ucraina, che molti di questi prodotti vengono venduti nel mercato nero dei terroristi e gaglioffi di tutto il mondo.

Si tratta di armi che costano tra i 20.000 ei 60.000 dollari finanziate dai contribuenti occidentali anche per mezzo di inflazione, tasse aumentate e prezzi innalzati in guisa speculativa; con colpi che possono costare circa 30.000 dollari a munizione e richiedono un addestramento specializzato per funzionare.

Molteplici sono i civili armati che vantano arcane insegne e qualche volta sono ripresi in video. Situazioni analoghe stazionano in tutto il mondo, con terroristi e delinquenti da utilizzare all’occorrenza, che sono mischiati alle persone comuni.

Nel luglio 2020, gli utenti dei social media avevano già mostrato scene di uno scontro tra civili armati del cartello del Golfo con oppositori del cartello del Nordest, una scheggia di Los Zetas. I video mostrano il lancio di diversi razzi telecomandati, comunemente azionati da lanciarazzi RPG o modelli Javelin.

Ancora una volta, nel 2020, le autorità statunitensi avevano scoperto che i civili stavano acquisendo questo tipo di lanciarazzi da utilizzare all’interno della criminalità organizzata. 

Ad esempio, il cartello di Sinaloa aveva fornito questo tipo di armi, oltre a mitragliatrici e granate, a una cellula che operava in Honduras e facilitava il traffico di cocaina verso gli Stati Uniti.

Nell’ambito dell’indagine è emerso che la cellula, gestita da un ex deputato honduregno, Freddy Nájera, aveva ottenuto questo tipo di armi in diverse occasioni dal cartello di Sinaloa, che portava i prodotti a San Pedro Sula. Si teme che la pletora di immigrati che stanziano in Europa e per lo piu’ in Italia, possa essere trasformata in milizia intestina da utilizzare all’occorrenza, mediante finanziamenti incrociati, transnazionali, che palesano un connubio di fondi pubblici e privati.

Vocabolario

*Connubio: insieme misto.

*Pletora: numero immenso.

*Intestina: interna

Lascia il tuo commento
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail