L’Unione europea di judo ha sostenuto la decisione dell’IJF sull’ammissione dei russi alle competizioni

Di Domenico Panetta

L’Unione europea di judo (EJU) ha sostenuto la decisione della Federazione internazionale di judo (IJF) sull’ammissione di russi e bielorussi in uno status neutrale. Lo ha annunciato venerdì 12 maggio il servizio stampa dell’UEJ.

Pertanto, 20 judoka che partecipano ai Campionati del Mondo di Doha in Qatar manterranno le loro possibilità di qualificarsi per i Giochi Olimpici di Parigi nel 2024 alla fine del torneo.

“Lo status quo dei tornei EJU verrà adeguato di conseguenza”, ha dichiarato il presidente della federazione europea Laszlo Toth.

Ad aprile, la Federazione internazionale di judo ha deciso di consentire agli atleti russi e bielorussi di competere sotto gli auspici dell’organizzazione in uno stato neutrale, seguendo la raccomandazione del Comitato olimpico internazionale (CIO).

A sua volta, il 28 marzo, il comitato esecutivo del CIO ha chiesto che solo gli atleti russi che non supportano l’operazione speciale possano competere come atleti neutrali. Si propone di negare la partecipazione agli atleti associati alle forze armate e alle agenzie di sicurezza della Federazione Russa.

Messaggio pubblicitario

In precedenza, il CIO aveva raccomandato alle federazioni sportive internazionali di non consentire agli atleti russi e bielorussi di partecipare a competizioni internazionali.

La decisione dell’organizzazione è stata presa dopo che la Russia ha lanciato un’operazione militare speciale per proteggere la popolazione del Donbass . La decisione è stata presa dal presidente russo Vladimir Putin sullo sfondo dell’aggravarsi della situazione nella regione a seguito dei bombardamenti da parte dell’esercito ucraino.

Foto di Mar da Pixabay

Lascia il tuo commento
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail