Sebbene la massoneria sia nata come cooperativa di persone dotte e competenti, oggi essa appare come un conglomerato di disparate professionalita’ e personalita’ infiltrato ed eterodiretto: le diverse frange di massoneria adoperano una simbologia antica e detengono l’assoluto controllo di ogni fronte di potere e di produzione; gli Illuminati sono la degradazione della massoneria virtuosa, definiti insani mentali da invitati ai propri consessi come Tremonti, Putin o lo stesso Mel Gibson. Il principio della massoneria degli Illuminati poggia sul controllo e ordine assoluto, in mano a persone da un forte acume, autocontrollo, sapere, sedicenti “neoilluministi”. Eppure la massoneria dai gradi infimi e’ una sorta di gilda confacente ai principi deontologici positivi, strumentalizzata e usata come schermatura del reale potere. Il potere vero e’ occultato all’apice di ogni piramide massonica, che controlla rendendosi inaccessibile a patto di totale abnegazione verso i propri dogmi. Inoltre i vertici massonici sono a loro volta controllati da soggetti ancora piu’ in alto, i quali possono ricattarli per il possesso di prove, sui misfatti degli altri massoni subordinati, che potrebbero troncare non fisicamente, ma nel resto, la vita degli adepti. 

Oggi gli ordini massonici piu’ influenti controllano le principali multinazionali di ogni sorta, oltre alle risorse naturali e alle burocrazie principali di ogni nazione fuorche’ la Russia. Il problema che risiede nello strapotere della massoneria, sta nella volonta’ di sottomettere e impossessarsi della Russia, come corollario di un progetto a nome Nuovo Ordine Mondiale, ordito negli anni novanta. Il Nuovo Ordine Mondiale e’ basato sulla logica irrazionale degli Illuminati, che confutano il principio vitale dell’entropia della vita; lo stesso principio che, assieme alla preghiera ed alla consapevolezza collettiva, puo’ sgretolare o arginare il folle controllo delle vite, in ottica di impoverimento, decrescita demografica e smantellamento delle Carte Costituzionali

Lascia il tuo commento
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail