Il bluff di Zara

Sfruttare i poveri per diventare ricchi.

La scoperta del traffico di esseri umani, schiavitu’, abuso e sacrifici di minori da parte di grandi plutocrazie ed esponenti del grande potere, ha causato una gragnola di istanze giuridiche ed amministrative, quali le dimissioni del presidente e proprietario di Zara, ossia Amancio Ortega. Quest’ultimo ha preventivamente messo in pratica una mossa di autodifesa, in quanto Zara ha utilizzato il lavoro di bambini e minori per calmierare i prezzi, oggi crescenti, dei suoi prodotti.
Il consumo di adrenocromo, tuttavia, da parte di grandi personaggi relativi alla grande opulenza e la egemonia industriale, sta imbarazzando e terrorizzando le personalita’ come Zara, di cui non sono trapelati altri legami con questi illeciti, oltre all’utilizzo di minori e persone in schiavitu’ come forza lavoro. Comunque il consumo di sangue ricolmo di adrenalina naturale di bambini, sciorinato da Wikyleaks, e’ l’emblema delle storture del grande potere oggi in bilico, a causa della duffusione conoscitiv capillare di tali pratiche, presso fette crescenti di opinione pubblica. Per mezzo di Wikyleajs e servizi analoghi di delazione, infatti, si stanno scoprendo rituali satanisti ai danni di bambini e donne, oltre che uomini ridotti in miseria, che scoperchiano il velo di ipocrisia dietro mosse politiche globali assurde che provocano miseria e degrado.


La droga del momento cosi’, da cocaina diventa l’adrenocromo, con il corollario di violenza, tortura e aprioristicamente rapimenti di bambini e donne; queste ultime deputate solo a sfornare pargoli estranei all’anagrafe e destinati a pratiche pedopornografiche, sacrifici rituali satanisti o estrazione di organi da impiantare.
L’aiuto provvidenziale, nell’ambito di questioni contigue estrazione di sangue dopo traumi dai bambini e per cessare politiche geoeconomiche atte a perpetrare tali forme di abusi e potere, e’ ormai da richiamare con preghiere, giaculatorie e sostegno umano reciproco.

Lascia il tuo commento
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail