Il 666 di Times Square

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Sono le sette rabbiniche a terrorizzare il mondo e manipolare l’economia per mezzo dell’assoluto controllo finanziario del mondo sviluppato. Kuschner e’ a tal proposito, non solo il genero di Trump dopo lo sposalizio della figlia in seguito alla sua conversione all’ebraismo, bensi’ una delle principali dinastie finanziarie e grand’industriali del mondo.

La differenza tra ebrei e sionisti risiede fondamentalmente nel radicalismo dei secondi, invece gli “ebrei” rappresentano unicamente l’incolpevole e virtuosa genia di Israele, semplice, tranquilla come tutti i popoli della terra.

Kuscher ha comprato per un miliardo e ottocento milioni di dollari, il grattacielo rutilante al numero 666 di Times Square e, cio’ che desta sconcerto in merito a Kushner, consiste nella sua appartenenza ad una setta massonica sionista il cui personaggio apicale, si pensava fosse il dio ebraico disceso sulla terra, secondo le dichiarazioni a Morris San di un esponente di rilievo della massoneria romana; tale capo della setta rabbinica suffragata dai Kushner ed una novizia di aristocrazie finanziarie sioniste, si e’ aspettato invano fino al terzo giorno anelando una resuscitazione che ne ha smontato la divinita’: tale episodio e’ accaduto negli anni settanta ed avra’ certamente contribuito allo spartiacque tra religioni ed antireligiosi cui e’ sottoposta la societa’ odierna. Lungi dal definire satanisti i sionisti e’ opportuno anche riportare una dichiarazione fatta da un alto prelato, don Minutella, emarginato in Vaticano, sul tradimento sionista rispetto al sacro patto vangelico con dio, culminato nel Concilio Vaticano II. Il patto postulava una conversione ebraica e sionista alle leggi religiose cattoliche, dimostratesi giuste in merito alla divinita’ di Cristo, ai miracoli, alla resuscitazione, ai segni terreni della sacra Sindone, alle stigmate di numerosi santi. Ma questo patto di alleanza e comunione fu aborrito dalle aristocrazie finanziarie sioniste, tutt’ora al timone del mondo, per autoconservare il proprio potere. Cio’ nell’ignoranza e involontario assenso di massa.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Dopo il Concilio Vaticano II, i pontefici si sono plasmati sulle “comodita’” del neoliberismo e dei suoi fautori, con un conseguente aumento della poverta’ mondiale, del culto del satanismo, della secolarizzazione, dei debito e del potere della finanza. Deittico di cio’ anche il non fortuito ammontare a 666,666 dollari, della donazione di una societa’ di Wall Street ad una universita’ newyorkese.

Se infine si allude al codice di registrazione “060606” del chip sottocutaneo di Bill Gates-decantato filantropo- e del parallelismo tra esso ed il marchio della bestia citato nell’Apocalisse, oltre che Satana si presentera’ come benefattore, qualche dubbio diventa lecito.

Subscribe to our newsletter!

[newsletter_form type=”minimal” lists=”undefined” button_color=”undefined”]
Lascia il tuo commento
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail