Governo blocca firma digitale

Maggioranza spaccata ieri notte in commissione Bilancio alla Camera sull’ultimo voto al decreto Recovery: dopo avere esaminato il pacchetto di emendamenti rimane da votare la proposta Magi per estendere la raccolta firme digitale alla presentazione delle liste elettorali. Sul tema si accende un dibattito con Lega, Fi e Fdi contrari e Pd, M5S a favore. Iv, pur favorevole, suggerisce di non votare una proposta divisiva.
Opposti i pareri dei relatori: contrario Roberto Pella di Fi, favorevole il dem Gian Pietro Dal Moro. Contrario il governo.
Alla fine il voto finisce pari 19 a 19 e l’emendamento viene bocciato.

Sulla firma digitale imperversa un putiferio specialmente in America, seguitato alle elezioni che hanno decretato la vittoria di Biden. Infatti a prescindere da ogni polemica, verita’ apodittica o mistificazione, innumerevoli informatici e membri dei servizi digitali, hanno asserito quanto la firma digitale possa essere soggetta a falsificazione, replicazione a iosa, cancellazione, a detrimento del risultato politico, economico e giuridico cui si mira.

La criptovaluta medesima e la blockchain sono potenzialmente soggette a rallentamenti, falsificazioni, possibili solo con immani sforzi economici e professionali sottoforma di molteplice controllo personale collettivo e cancellazione digitale delle tracce. Anche se va sciorinato quanto controproducente rimanga alterare la criptovaluta e che comunque il sistema della blockchain, in caso di illeciti esogeni, si autoregolerebbe per mezzo del proprio sistema di funzionamento.

Il governo si e’ dimostrato consapevole dei rischi di alterazione del sistema di firme dugitali, legato alla possibilita’ di attaccare i sistemi di produzione, conteggio e immagazzinamento dati, a modem internet controllabili da remoto incrociando satelliti e reti telefoniche centralizzate. Tale procedura puo’ attivarsi ad onta di dichiarazioni ufficiali che negano connessioni ad internet degli strumenti digitali; giacche’ le porte esterne di connessione e Manipolazione da remoto, sono realta’ nella maggioranza dei programmi informatici ed apparecchi tecnologici fisici.

Foto Imago Economica srl

Lascia il tuo commento
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail