Alessandro Capucci, ordinario di malattie cardiovascolari all’ospedale di Piacenza, sconsiglia ai microfoni della commissione parlamentare d’inchiesta, l’introiezione vaccinale per i piu’ giovani. A tal proposito i dati dimostrano che, in seguito alle dosi dei farmaci vaccinali meno pericolosi, i ragazzi al di sotto dei ventiquattro anni, hanno sviluppato in percentuali relativamente alte problematiche come miocardite, ossia aritmia, affaticamento, problemi respiratori e crisi legate alla proteina Spike che tuttavia sono scemate dopo un certo periodo.

Il richiamo del primario in questioni cardiovascolari tuttavia, focalizzava il fatto che le miocardie giovanili rappresenterebbero una patologia cronica che, comunque, anche se non visibile nell’immediato, potebbe riproporsi in maniera aggravata nel medio e lungo periodo. Da qui l’esortazione a sottrarre le fasce d’età giovanissime, alle iniezioni antipandemiche, alla luce delle degenze dn solo il 7% della popolazione sotto i trent’anni.

Le miocardie come sottolinea Capucci, derivarono in prima istanza dai vaccini contro la spagnola, ed i ragazzi vanno tutelati dagli intrugli farmaceutici legati alla pandemia. Intanto la percentuale di vaccinati in Italia, a detta del ministro Speranza, ha raggiunto i cinquantun milioni di soggetti, e gli scolari che si sottopongono al vaccino, toccano l’acme del consenso; sul fronte dei medici la fronda cresce con la moltiplicazione di associazioni che impugnano la Costituzione per eludere l’obbligo ma anche la sospensione ed il decurtamento salariale.

Salgono anche i numeri relativi a privati e medici che enfatizzano le terapie domiciliari.

In Portogallo chiusure e contagi aumentano ma i malati sono curati ancora con tachipirina dentro gli ospedali e nelle magioni: il movimento per le terapie domiciliari a Lisbona è scarsissimo, ai limiti dell’inesistenza, suppure sia presente. Stesso scenario è ravvisabile negli altri paesi europei, con l’Italia che guida una forma di libertà sanitaria pionieristica ed apparentemente utopistica.

Lascia il tuo commento
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail