Draghi: restrizioni necessarie, stiamo programmando le misure di sostegno.

“Qualche giorno fa ho ringraziato gli italiani per la loro infinita pazienza. Sono consapevole che le misure di oggi avranno conseguenze sull’istruzione dei figli, sull’economia e sullo stato anche psicologico di noi tutti. Sono necessarie per evitare un peggioramento che renderebbe inevitabili provvedimenti ancora più stringenti. Ma, a queste misure, si accompagna l’azione di governo a sostegno di famiglie e imprese e l’accelerazione della campagna vaccinale, che sola dà speranza di uscita dalla pandemia”, ha concluso il premier Mario Draghi.

Il premier per la prima volta si sbilancia sugli aiuti economici destinati alle famiglie italiane ma non indica date precise. L’ incertezza economica è lo spauracchio di molte famiglie.

Le misure previste nel decreto legge” Sostegni “sono corpose, coprono una platea più ampia e arriveranno rapidamente – ha sottolineato il premier –. Tra i provvedimenti più significativi, c’è il prolungamento della cassa integrazione guadagni, un più ampio finanziamento degli strumenti di contrasto alla povertà, per sostenere i “nuovi poveri”, coloro che sono diventati maggioranza nelle file della Caritas. Agli autonomi e alle partite Iva che hanno patito perdite di fatturato riconosceremo contributi in forma più semplice e immediata, senza criteri settoriali”. 

Draghi chiede partecipazione e rispetto delle regole a tutti gli italiani. Pensiamo solo che con una vaccinazione diffusa potremo fare a meno di restrizioni come quelle che abbiamo dovuto adottare. Per ora l’interrogativo principale è per quanto tempo ancora dovrà soffrire il popolo italiano?  

Lascia il tuo commento
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail