Cosa sta accadendo in Alaska?

La redazione di Ntd riporta di manovre “arcane” da parte della marina militare cinese, all”interno delle acque internazionali dell’Alaska, sottoforma di provocazione ma anche esercitazione e controllo marittimo verso gli Usa. Il generale americano interpellato per spiegare l’accaduto ha messo in risalto la fuga dell’imbarcazione cinese al limitare della zona di pertinenza commerciale americana, che si estende a poca prossimita’ appunto, delle acque internazionali solcate dalla nave da guerra orientale.

Il quotidiano cinese Epoch Times, testata on line in voga nel mondo, redatto da religiosi cinesi e completa di versione cartacea ogni due giorni, focalizza i media di stato cinesi che enfatizzano la loro flotta e l’armamentario bellico.

L’America di per se’ ha stipulato accordi multilaterali con Gran Bretagna ed Australia per fornirgli avanzatissime tecnologie marittime e militari in grado di attruppare Cina e Corea del Nord. Alleanza che prevede la fornitura di sottomarini nucleari e missili a larga gittata.

La Francia ha ritirato i suoi diplomatici e l’ambasciatore dagli Stati Uniti, come rappresaglia alla negazione di un accordo del 2016 inerente la fornitura di sommergibili atomici verso Australia e Gran Bretagna del valore di sessanta miliardi: tale contratto e’ stato definito da organi d’informazione parigini come colpo del secolo, ed ora la repubblica di Macron intende vedersi onorato tale patto.

Contro il giornale cinese Epoch Times e’ in atto un boicottaggio incessante da parte del governo cinese, denunciato tra l’altro da sacerdoti vaticani orientali, come artefice di una manfrina con la Santa Sede che ha introdotto vescovi in Cina graditi al regime comunista. E binariamente si omettono i dati che sciorinano maltrattamenti, limitazioni quando non omicidi, dei cattolici residenti nella repubblica popolare cinese.

Lascia il tuo commento
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail