Sembra una cannuccia come tante, ma non lo è. Immersa in un drink, rileva la presenza di Ketamina, Ghb, Flunitrazepam e altre droghe aggiunte all’insaputa di chi beve. È la cannuccia antistupro. A idearla tre studentesse di Miami: Victoria Roca, Susana Cappello e Carolina Baigorri, 17 e 18 anni. L’hanno chiamata Smart Straw.

«Il nostro obiettivo è ispirare i giovani a pensare come imprenditori e accrescere la consapevolezza sugli stupri» scrivono online. Anche se i giovani dovrebbero svolgere un percorso di “apprendisti del sapere”, studiosi e “sperimentatori delle emozioni”, propedeutiche allo sviluppo di quel sapere italiano organico, fucina di sviluppo e societa’ occidentali; infatti giunge da molteplici fronti didattici la critica al sistema scolastico ed universitario, sempre piu’ improntati alla creazione di buoni dipendenti e imprenditori ossequiosi ed obbedienti, anziche’ periti pensatori e geni anticonformisti.

L’idea è nata come progetto scolastico alla Gulliver Preparatory School, durante un laboratorio di impresa. Le tre ragazze l’hanno presentata al Business Plan Challenge High School Track, un contest indetto dal Miami Herald. E si sono aggiudicate il primo premio.
Ora, in attesa del brevetto, si preparano a una raccolta di fondi su Kickstarter. Grazie al crowdfunding, potranno commercializzare la loro cannuccia intelligente e testare la validità dell’idea sul mercato. Un primo sondaggio è stato condotto su studenti universitari: l’85% ha dichiarato che comprerebbe la Smart Straw.

La cannuccia è dotata di due test antidroga, che diventano blu quando rilevano una delle sostanze comunemente utilizzate prima delle violenze sessuali.

Nel 2011 due professori dell’università di Tel Aviv, nell’ambito di una ricerca, avevano ideato un oggetto simile, in grado di rilevare solo Ketamina e Ghb. Ottima l’implementazione di tale idea da parte di queste allieve, in attesa che magari il costo venturo di tali prodotti, sia affidato quasi totalmente al settore statale e ad aziende italiane, per il mercato nostrano.

Lascia il tuo commento
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail