Bilderberg, cinque stelle e PD

Il fatto scandaloso culminato nei reiterati colpi di stato in Italia risale alle annuali riunioni dell’elite finanziarie e grandi industriali del mondo, presso l’organizzazione Bieldeberg: la firma quasi o di fatto avvenuta del Mes in Italia, senza mandato parlamentare, affonda le sue radici alla riunione del club Bieldeberg del 2018, dal titolo:”Come sgretolare i polulismi”, alias 5 stelle e consociati. Di qui la questione da sempre esecrata dai 5 stelle, del Mes come arma di distruzione italiana da aborrire, ma ora in procinto o gia’ firmata con il beneplacito dei pentastellati. L’ennesimo colpo di stato in Italia, con la regia del Bieldeberg e l’assenso del movimento piu’ populista d’Italia, svela lo strapotere da stemperare delle oligarchie componenti il Bieldeberg. Infatti l’obiettivo di disarcionare il 5 stelle con epigoni del 2018, da parte del Bieldeberg, e’ stato conseguito. Alla stessa stregua nel 1991 l’obiettivo del club Bieldeberg era quello di plasmare la sinistra ed i comunisti italiani, sul potere e la efficacia del neoliberismo, per poi incastrare e glissare la classe dirigenziale italiana di allora. Il Bieldeberg anche in quel contesto apparentemente ma non troppo remoto, riusci’ nel suo intento di annacquare sinistra e comunismo, come speculari alle becere e vetuste destre liberiste. Cosi’ fu possibile, per le oligarchie del Bieldeberg, intrappolare l’Italia nell’euro e vincolarlo al trattato ultraliberista di Mastricht. Cio’ senza fronda politica proveniente dalla potente ed efficace classe dirigenziale antecedente; bensi’ la stipula del trattato di Maastricht, dell’entrata nell’euro, venne fatta per l’Italia da una dovizia di politici sedicenti comunisti e democratici, assurti al potere e suffragati ma subordinati, dal Bieldeberg come oggi i 5 stelle con i loro alleati.

Molteplici colpi di stato, in Italia, ultimo dei quali perpetrato dai 5 stelle di matrice Bieldeberghiana, che comportano l’obbligo di troncare le oligarchie mondiali, da ogni tipo di controllo assolutistico dello stato, oltre che da ogni contatto con i legislatori.
Non si sa come si sia potuto indurre i 5 stelle oggi, i comunisti e i democratici ieri, a prescrivere leggi economicide e antipopolari caldeggiate dalle oligarchie finanziarie e grand’industriali al mondo, sta di fatto che e’ opportuno il divieto draconiano di interferenza statale, verso lo strapotere privato. Cosi’ come riappare vitale riabbracciare la somma Costituzione, quale baricentro di ogni attuale e venturo indurizzo legislativo.

Lascia il tuo commento
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail