Al Pacino e Noor Alfallah, la compagna più giovane di 54 anni, si sono lasciati. E pensare che solo tre mesi fa (il 6 giugno) era nato il loro figlio, Roman Alfallah Pacino. Noor, 29 anni, ha chiesto il mantenimento del figlio presentando i documenti al tribunale di Los Angeles chiedendo l’affidamento del bambino, ed aggiungendo che vuole che l’attore 83enne abbia visite costanti. Lo riporta The Blast, che racconta di aver visionato i documenti. Al Pacino e Noor Alfallah erano legati dall’aprile 2022, e il 6 giugno era nato il loro figlio al Cedar’s Sinai Hospital di Los Angeles. Il protagonista di Scarface è già padre di tre figli con due donne diverse: i gemelli ormai 22enni Olivia Pacino e Anton James Pacino con Beverly D’Angelo;:e Julie Pacino, 33 anni, con Jan Tarrant.

Nella documentazione legale, spiega The Blast, Alfallah ha inserito un documento intitolato «dichiarazione volontaria di parentela», che sia lei che Al Pacino hanno firmato sei giorni dopo la nascita del figlio. Il documento, firmato da un testimone terzo, riconosceva la paternità del bambino ad Al Pacino. Nella documentazione, però, sembra non sia indicata una cifra per il mantenimento del figlio. A stabilirlo sarà il giudice.

Ornella Castaldi Instagram: Where_fashion_is_art

L’attore hollywoodiano Al Pacino, che aveva di recente fatto parlare di sé per la nascita del suo ultimo figlio – nonostante gli 83 anni di età – torna sotto i riflettori in seguito alla separazione dalla sua compagna Alfallah. La custodia del figlio verrà discussa in tribunale.

Secondo i rumors la star del cinema Al Pacino e Noor Alfallah si sarebbero lasciati a pochi mesi dalla nascita del loro unico figlio, Roman Alfallah Pacino. La storia d’amore tra l’attore 83enne e la giovane 29enne (ex fidanzata della rockstar Mick Jagger) arriva al termine.

A prendere la decisione di porre fine alla relazione sembrerebbe essere stata la donna. Il motivo scatenante risiederebbe nel fatto che Al Pacino, una volta venuto a conoscenza della gravidanza della compagna, avrebbe chiesto di effettuare un test per accertare la paternità del bimbo, visti i suoi problemi di salute e la sua avanzata età. La giovane donna si dice afferibile ad una famiglia orientale di alto calibro, impegnata proprio nel settore cinematografico.

Il carismatico attore dalle origini italiane comparira’ a breve in Assassination, cge racconterà il fatidico omicidio di John F. Kennedy dal punto di vista della mafia, reinventando la sua morte come un colpo ordinato dal boss della mafia di Chicago Sam Giancana, causato dalla vendetta per il tentativo di JFK di indebolire l’organizzazione criminale dopo che quest’ultima aveva favorito la sua elezione (tema affrontato in precedenza da JFK – un caso ancora aperto di Oliver Stone).

Il co-autore dello script Nicholas Celozzi è il nipote di Sam Giancana ed è anche co-produttore del film insieme a Corey Large. Le riprese prenderanno il via a settembre a Vancouver. Con l’innegabile talento di David Mamet al timone ed il nostro cast stellare guidato da Viggo Mortensen, Al Pacino, Shia LaBeouf e John Travolta, le stelle si sono davvero allineate. Assassination è un thriller avvincente ed emozionante ambientato in un periodo cruciale della storia americana, brillantemente realizzato da Mamet: è un progetto assolutamente fantastico” ha commentato il presidente di Arclight Films Gary Hamilton.

Lascia il tuo commento
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail